anonymous report (rough translation):

"On the night of May 5, 2012, at a time when all eyes were focused on the fate of the dogs locked up in the Green Hill concentration camp in Montichiari (Brescia), Italy, we entered a chicken farm in Mariano Comense (Como) and gave freedom to more than 50 individuals.
These animals have a family waiting for them to ensure free and peaceful lives until their natural death.
With this action we also want to emphasize the enormous suffering and slaughter of millions of animals destined to die to satisfy the palate of the human oppressor and we hope that all those who in one way or another took part in the fight against Green Hill, and not only vegans, but simply 'dog lovers', understand that all animals should live free and that no one should claim the right to lock up another living being in a cage or shed and exploit his body or his work.
We want, with this action, to show our solidarity with those who on April 28, 2012 gave freedom to the prisoners who escaped from the camp and in particular to the Green Hill 12 who were arrested as a result of this open action that will be remembered in the history of animal liberation.
We are always close to those imprisoned for acts of liberation of animals, humans and the earth.
All the animals released through direct action have been lucky and will not have to wait pending the decision of the Italian Senate... and a change in the many laws that allow animal slavery. It remains our duty to continue to give freedom and a full life to as many individuals as possible.
ALF"

Italian:
"Nella notte del 5 Maggio 2012, in un momento dove tutti gli occhi sono puntati sul destino dei cani rinchiusi nel lager di Green Hill di Montichiari(Bs) Italia, siamo penetrati in un allevamento di galline a Mariano Comense (Co) e dato la libertà a più di 50 individui.
Questi animali hanno una famiglia che li aspetta per garantire loro una vita libera e serena fino alla loro morte naturale.
Con questa azione vogliamo anche sottolineare l'enorme sofferenza e mattanza di milioni di animali destinati alla morte per soddisfare il palato dell'oppressore umano e speriamo che tutti coloro che in un modo o nell'altro hanno preso parte alla lotta contro Green Hill e non solo vegani, ma semplicemente "amanti dei cani", comprendano che tutti gli animali devono vivere liberi e che nessuno si dovrebbe arrogare il diritto di rinchiudere un altro essere vivente in una gabbia o capannone, e sfruttare il suo corpo o il suo lavoro.
Vogliamo con questa azione, dimostrare la nostra vicinanza e solidarietà a coloro che il 28 Aprile 2012 hanno dato la libertà ai prigionieri evasi dal lager Green Hill ed in particolare ai 12 arrestati in seguito a questa azione a viso scoperto che rimarrà nella storia della liberazione animale.
Così come siamo sempre vicini a tutti i prigionieri per atti di liberazione animale, umana e della terra.
Tutti gli animali liberati con azioni dirette, sono stati fortunati e non hanno dovuto aspettare la decisione del senato italiano nell'attesa che la cultura antispecista si faccia breccia fra le mille leggi che consentono lo schiavismo animale, il nostro dovere rimane quello di continuare a dare libertà e una speranza di vita a più individui possibile.
ALF"